identità

Dostoevskij, Memorie

Fëdor DostoevskijMemorie del sottosuolo

Non soltanto non ho saputo essere cattivo, ma non ho saputo essere niente di niente: né cattivo né buono, né canaglia né galantuomo, né eroe né insetto. E adesso passo i miei giorni qui nel mio cantuccio, burlando me stesso con la maligna e del tutto inutile consolazione che, comunque sia, una persona intelligente non può diventare sul serio qualcosa, giacché a diventar qualcosa ci riesce solamente l’imbecille.

Pubblicato nel 1864, Memorie del sottosuolo è il libro che annuncia i capolavori della maturità (Delitto e castigo uscirà appena due anni dopo). Già inconfondibilmente dostoevskiana è la voce che procede allo scandaglio dell’animo umano senza risparmiarsi nulla e senza indietreggiare davanti alle verità piú amare.

Scopri di più

978880624762HIG

Maya De LeoQueer

La prima storia completa delle sessualità e delle identità LGBT+ in Occidente dal XVIII secolo a oggi.

A partire dal Settecento, i piú diversi campi del sapere sembrano esprimere un rinnovato interesse, animato da una nuova volontà di controllo e disciplinamento, verso sessualità e identità di genere: chi e cosa è “normale”? E perché? La storia di queste domande è intrecciata a quella delle risposte, individuali e collettive, resistenti e creative, prodotte dalla comunità LGBT+.

Scopri di più

978880622953GRA

a cura di Marco AimeContro il razzismo

R come razzismo. Quattro ragionamenti per confutare le principali manifestazioni del razzismo, siano esse scientifiche, linguistiche, culturali o istituzionali.

In Europa avanzano movimenti xenofobi e in Italia si denunciano sempre piú spesso episodi di razzismo. Quattro studiosi con competenze diverse provano qui a vagliare i concetti di identità e differenza, a comprendere i diritti dello straniero in Italia, a misurare quanto profonde siano le nostre convinzioni sulle differenze biologiche e culturali e come se ne debba parlare.

Scopri di più

978880621911GRA

Luigi PirandelloIl fu Mattia Pascal

«Una delle poche cose, anzi forse la sola ch’io sapessi di certo era questa: che mi chiamavo Mattia Pascal».

Mattia Pascal è un annoiato bibliotecario di provincia, costretto a vivere con una moglie che non lo comprende e una suocera che lo disistima profondamente. In seguito all’ennesima lite famigliare, decide di fuggire dal piccolo paese in cui vive per tentare la fortuna a Montecarlo. E qua, per un beffardo scherzo del destino, vince una grossa somma di denaro alla roulette. L’illusione di poter cominciare finalmente una nuova vita sembra farsi reale. Senonché durante il viaggio di ritorno in treno, una notizia sul giornale lo sconvolge: a Miragno è stato ritrovato il suo cadavere.

Scopri di più