Classe

Benedetta TobagiPiazza Fontana

Liceo Canudo, Gioia del Colle (BA)
Classe: V D
Docente: Irene Martino

È da questa Italia che bisogna ripartire

Cosa ancora può dirci Piazza Fontana? Quali i rapporti tra giustizia e politica nel lungo e fangoso processo sulla strage che la vide protagonista? A spiegarlo è Benedetta Tobagi che, il 24 aprile 2020, nonostante la dilagante emergenza da Covid-19, offre una vivida se pure virtuale testimonianza di uno dei periodi piú bui della nostra storia repubblicana. Nella videoconferenza l’autrice evoca l’immagine di una giovane donna, la neonata democrazia italiana, ricca di ambizioni e pretese, sulla quale tuttavia gravava l’eredità pesante di una dolorosissima guerra civile che aveva spaccato la coscienza civica del popolo, in un nuovo clima di paura e di terrore.

Scopri di più

Percorsi

Vera GhenoLa complessità dell’adolescenza: quattro libri per venirne fuori

L’animale piú strano che io abbia mai incontrato è quello che, parafrasando Franco Battiato, mi porto dentro ancora oggi: la me stessa ragazzina. Della mia adolescenza ricordo le ore passate sui libri (ebbene sí: avevo tendenze secchione), il desiderio cocente di superare la sindrome da tappezzeria (l’eccessiva timidezza che mi impediva di fare amicizia con i miei simili nelle situazioni conviviali), i primi immensi, indimenticati amori, la voglia di trasgredire ai lacci e lacciuoli imposti dai miei genitori, che diventavano l’emblema di una «decadente società borghese» (definizione che, oggi posso ammetterlo, per lungo tempo ho usato senza comprenderne esattamente il significato). Infine, ricordo i miei primi incontri con le ingiustizie e la nascita del desiderio per una società piú equa.

Scopri di più

978880624425HIG

Alice CappagliRicordati di Bach

Esistono passioni cosí potenti da cambiarti la vita. Da rovesciarti la testa, i pensieri, lo sguardo. Per Cecilia la musica è esattamente questo: un modo di vivere, il solo che conosce.

Cecilia è ancora una bambina, quando a dispetto di tutto e di tutti – in particolare dei suoi genitori –, entra all’Istituto Mascagni di Livorno, un conservatorio, e di quelli seri. Scoprirà a poco a poco cosa significa segarsi i polpastrelli con le corde, imparare solfeggio e armonia, progredire o regredire, scoraggiarsi o meravigliarsi. Educare la sua mano, sfidarla. E trovare una forza inaspettata, un’energia che sembra sprigionare direttamente dalla fatica.

Scopri di più

Classe

Maurizio BettiniHomo sum

Liceo Leonardo da Vinci, Casalecchio di Reno (BO)
Classe: III C
Docente: Patrizia Tattini

Ho trovato l’incontro con Bettini molto utile, soprattutto perché sono riuscito a riflettere su temi molto attuali, oltre che su argomenti riguardanti il libro Homo sum. Penso che molte risposte siano state davvero interessanti e, ripeto, utili: questo perché informare noi giovani su temi odierni è importante, non solo per la nostra curiosità, ma anche e soprattutto per la nostra formazione sotto vari aspetti, tra i quali quelli storici, culturali e politici.

Scopri di più

978880624601HIG

Tiziano ScarpaLa penultima magia

Una storia favolosa, meravigliosamente vera.

Di notte a Solinga i lampioni camminano, i negozi russano e le caffettiere preparano la colazione. Non è una favola: è il posto in cui è andata a vivere Renata Paganelli, per sopportare il mondo dopo che le è successa una cosa molto grave. Ma un giorno gli abitanti di Solinga ritornano in massa, guidati dal sindaco: pretendono di riavere indietro la loro città cosí com’era, e intanto riportano a casa la piccola Agata. Per tenerla con sé, nonna Renata dovrà rinunciare ai suoi incantesimi e affrontare la realtà.

Scopri di più

Speciale estate 2020

Classe

Marco MarsulloL’anno in cui imparai a leggere

IISS Cezzi De Castro Moro, Maglie (LE)
Classe: IV A CAT
Docente: Elena Tamborrino

L’amore che un bambino può donare è speciale. Questa è la storia di Niccolò, un giovane di venticinque anni, alle prese con Lorenzo, il bambino della sua compagna Simona, partita per esaudire i suoi sogni da attrice.

A fatica Niccolò cerca di instaurare un rapporto con Lorenzo, che ha solo quattro anni e che gli è stato affidato pur non avendo egli un ruolo preciso nella vita del bambino. Tuttavia i due si avviano a una routine nella quale entrambi trovano un equilibrio, sperimentando un modo di vivere completamente nuovo.

Scopri di più

978880624436HIG

Massimo MantelliniDieci splendidi oggetti morti

Gli oggetti collegano tempi differenti. Disegnano la traiettoria della bellezza. Ogni tanto muoiono. Ci sono dieci splendidi oggetti morti da qualche parte, qui intorno. Questo libro parla di loro e dunque di noi.

Le carte stradali Michelin sono diventate navigatori gps; i telefoni fissi sono silenziosamente scomparsi dagli ingressi delle nostre abitazioni. Le cose, talvolta, segnano distanze istantanee tra generazioni, per il resto, ancora vicine. Questo libro segue la traiettoria di dieci oggetti che sono cambiati sotto i nostri occhi.

Scopri di più

Classe

Anilda IbrahimiIl tuo nome è una promessa

ISIS Newton, Varese
Classe: II C mec
Docente: Giuseppe Finocchio

«Marzo è considerato da sempre un mese difficile. Ingannevole. Sembra che il buio sia finito e il sole accecante incanta la gente assetata di luce».

Siamo negli anni 90, Rebecca, la protagonista de Il tuo nome è una promessa, decide di prendere le distanze da suo marito partendo per lavoro con destinazione Tirana, Albania. Lei in quel posto non c’è mai stata però sa molte cose, una fra tutte che quel paese ha ospitato sua madre Esther salvandole la vita dalla seconda guerra mondiale, ma che ha visto anche la perdita di una persona a lei molto cara ovvero la sorella Abigail.

Scopri di più