Louisa May AlcottI quattro libri delle Piccole donne

14+

Piccole donnePiccole donne cresconoPiccoli uominiI ragazzi di Jo: la storia di una famiglia sullo sfondo dell’America scossa dalla guerra di Secessione.

Le quattro sorelle March – la giudiziosa Meg, l’impertinente Jo, la dolce Beth, la vanitosa Amy – si preparano alla vita vivendo sogni e speranze dell’adolescenza. Le piccole donne crescono e gli svaghi infantili vengono via via sostituiti dai legami del cuore e dai primi dolori che il destino riserva loro.

È a questo punto che la storia di Jo balza in primo piano. Impulsiva, irrequieta e geniale, la secondogenita incarna lo spirito progressista della Alcott educatrice: fonda la casa-scuola di Plumfield, aperta a studenti di età ed estrazione sociale diversa, protesa a un’educazione che stimoli la libertà, l’amore per la natura, la solidarietà, e dove i giovani ospiti diventano «piccoli uomini». Ormai adulti, i ragazzi di Jo ritorneranno dalle strade del mondo su cui si erano dispersi alla loro mai dimenticata scuola di vita.

 

– Natale non sarà Natale senza regali, – brontolò Jo, stesa sul tappeto.
– Brutto guaio essere poveri, – commentò con un sospiro Meg facendo scivolare lo sguardo sul suo vecchio vestito.
– È un’ingiustizia, dico io, che tante ragazze abbiano un sacco di belle cose e altre niente, – aggiunse la piccola Amy, tirando su col naso per il dispetto.
– Abbiamo il papà e la mamma, però, e ciascuna di noi ha tre sorelle, – disse Beth dal suo angolino con aria soddisfatta.

Leggi un estratto.

Chiara Gamberale su Rai Cultura: «Louise May Alcott andrebbe rivalutata. In Piccole donne c’è tutto.»

Numerosi gli adattamenti cinematografici: dalla versione in bianco e nero del 1933 di George Cukor, a quella del 1949 di Mervyn LeRoy

fino alla piú recente di Gillian Armstrong (1994).

Negli Anni 80 la Nippon Animation ha realizzato anche una versione anime del romanzo, dal nome Una per tutte, tutte per una.

anime